Corea del Sud: il riconoscimento dell’iride sarà adottato da due banche
Cashless Lifestyle

Corea: tecnologia ATM riconoscimento dell'iride

Riconoscimento dell’iride e tecnologia biometrica: sembra fantascienza ma è già realtà in molti Paesi come gli Stati Uniti, la Svezia e la Corea.

Proprio in Corea del Sud la Woori Bank, uno degli istituti finanziari più importanti del Paese, ha recentemente annunciato l’inizio di un protocollo d’intesa con Iris ID, azienda che produce tecnologie biometriche: l’obiettivo è utilizzare la tecnologia del riconoscimento dell’iride come metodo di autenticazione presso gli ATM.

In base al progetto pilota della banca, l’utente potrà scegliere se utilizzare il riconoscimento dell’iride oltre alla Carta di Pagamento e al codice PIN per autorizzare le transazioni finanziarie. In questo modo la banca disporrà di un ulteriore livello di sicurezza e di un sistema di riconoscimento che non potrà essere in nessun modo rubato o clonato. Di fatto quindi i clienti potranno effettuare prelievi e transazioni presso gli ATM senza dover necessariamente portare con sé o utilizzare la Carta di Pagamento.

L’intenzione della Woori Bank è implementare la tecnologia per i propri ATM entro la fine dell’anno. Inoltre, la stessa tecnologia verrà utilizzata anche per le cassette di sicurezza e per controllare l’accesso dei dipendenti ai locali della banca. I clienti (circa 20 milioni) che vorranno iscriversi al programma potranno farlo in una delle 967 filiali della Woori Bank.

La Woori Bank non è però l’unica banca coreana ad aver deciso di adottare la tecnologia biometrica per implementare la propria sicurezza: anche la statale Industrial Bank ok Korea ha infatti annunciato, in modo del tutto indipendente e separatamente dalla Woori Bank, di voler utilizzare il riconoscimento dell’iride come sistema di autenticazione per i clienti che utilizzano i propri ATM.

“Il riconoscimento dell’iride è stato accreditato come un mezzo di autenticazione molto efficace, più accurato e rapido rispetto alle altre tecnologie biometriche”, ha commentato Charles Koo, presidente e CEO di Iris ID. “Intendiamo lavorare a stretto contatto con la Woori Bank per capitalizzare su questo accordo e introdurre la tecnologia avanzata del riconoscimento dell’iride nell’industria tecnologico-finanziaria della Corea del Sud. Vogliamo che le informazioni sull’iride colleghino i network bancari e le transazioni con le altre banche”.

 

 

Hai qualcosa da dire in più su questo argomento? Condividilo con noi lasciando un tuo commento. Tutti i commenti saranno sottoposti a moderazione secondo quanto indicato nella nostra policy.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Ho letto e compreso l'informativa sulla privacy