Dal mondo: in Nigeria l’ATM è il mezzo preferito per le transazioni
Cashless Lifestyle

Atm-Nigeria-post

In seguito ad un sondaggio effettuato in Nigeria su un campione di 1500 cittadini maggiorenni possessori di un telefono e selezionati in modo casuale, emerge che la maggior parte dei nigeriani (91%) considera l’introduzione degli sportelli ATM la più importante riforma nel settore bancario dell’ultimo decennio.
Nel sondaggio sono stati menzionati, ma con risultati percentuali minori, altre riforme chiave nel settore bancario tra cui l’introduzione del NUBAN (Nigerian Uniform Bank Account Number), l’internet banking, i POS e i mobile money services.

La maggior parte del campione intervistato (68%), che rappresenta le sei zone geopolitiche del paese, ritiene che i servizi ATM sono la forma di servizi bancari elettronici  più usata. Gli ATM sono seguiti dal mobile banking (10%), dai POS (6%), dall’internet banking (6%) e dalle carte di credito (2%).
Una parte considerevole degli intervistati (18%) afferma di non utilizzare nessuno dei servizi menzionati, tuttavia, la NOIPolls, società che ha effettuato il sondaggio, ritiene che si tratti con ogni probabilità di persone over 60.

La Nigeria ha introdotto la riforma del settore bancario nel 2004 con l’obiettivo di avere un settore bancario più efficiente e affidabile per consentire una migliore sicurezza dei fondi dei clienti e rafforzare il potenziale di crescita delle operazioni bancarie.
La politica cashless (senza contanti) è stata introdotta nel 2012 come parte delle riforme sia per ridurre gli elevati rischi connessi alla gestione valutaria in Nigeria, che per intensificare il sistema dei pagamenti nazionale, vessato dai pesanti costi operativi nel settore bancario.
NOIPolls ritiene che con un campione di queste dimensioni i risultati raggiungano una precisione del 95% .

Fonte: news24.com.ng

Hai qualcosa da dire in più su questo argomento? Condividilo con noi lasciando un tuo commento. Tutti i commenti saranno sottoposti a moderazione secondo quanto indicato nella nostra policy.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Ho letto e compreso l'informativa sulla privacy