Dal mondo: Riforme in Malesia per incentivare l’uso delle Carte di Debito
Cashless Lifestyle

Malesia

Il 15 gennaio 2015, in Malesia, ha preso il via una riforma dei sistemi di pagamento, mirata a limitare – sino a far scomparire – la moneta fisica, a favore di quella elettronica.

In Malesia, infatti, il 90% dei pagamenti viene eseguito mediante contanti (che per le Banche ha un costo di gestione di 681 milioni di dollari), mentre in altri Paesi più sviluppati una buona fetta delle transazioni avviene mediante Carte di pagamento.

La Banca centrale della Malesia, Bank Negara, ha recentemente intrapreso una serie di riforme che modificheranno i metodi di pagamento della popolazione malese: tali riforme potrebbero apportare un profitto di 5.1bilioni di Ringgit malesi entro il 2020.

Una prima mossa per incentivare l’uso delle Carte sarà quella di aumentare i Terminali ATM e POS e di consentire l’utilizzo di questi per i pagamenti anche di cifre molto esigue, incentivando anzitutto le Carte di Debito anziché quelle di Credito.

Le Carte di Debito, infatti, avranno delle commissioni di interscambio inferiori rispetto alle altre Carte, questo per stimolare la crescita dell’acquisizione di tali dispositivi da parte dei commercianti. In tal modo si ipotizza che i prezzi torneranno ad abbassarsi anche a favore dei clienti.

In sintesi, il progetto di riforma dei sistemi di pagamento prevede l’aumento dei Terminali (in particolare dei POS, che hanno un costo inferiore rispetto ai tradizionali dispositivi EDC di pagamento), passando da 220.000 a 800.000 unità entro il 2020, il che implica un incremento delle transazioni, grazie anche agli incentivi mediante offerte o sconti, con Carta di Debito. A livello di sicurezza, le transazioni anziché esser autorizzate mediante firma, verranno autorizzate mediante codice PIN, entro il 2017.

Fonte: http://business.asiaone.com/

Hai qualcosa da dire in più su questo argomento? Condividilo con noi lasciando un tuo commento. Tutti i commenti saranno sottoposti a moderazione secondo quanto indicato nella nostra policy.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Ho letto e compreso l'informativa sulla privacy